Impianti elettrici specifici per disabilità

Impianti elettrici a servizio di unità immobiliari in cui risiedono persone con disabilità o specifiche necessità vanno realizzati in modo da essere idonei ai loro fruitori.

Specifica Tecnica CEI 64-21 per persone con disabilità o specifica necessità

Il CEI ha pubblicato la Specifica Tecnica CEI 64-21 – “Ambienti residenziali: impianti adeguati all’ utilizzo da parte di persone con disabilità o specifica necessità” con lo scopo di fornire prescrizioni da applicare agli impianti elettrici di unità immobiliari a uso residenziale utilizzati da persone con disabilità o con necessità specifiche” (denominate nel seguito PNA) nei casi in cui vengano espressamente richieste dal committente (nota 1).

Per maggiori specifiche clicca qui

Fonte: www.elettronews.com

 

 

VIDEOSORVEGLIANZA e il nuovo Regolamento Europeo (GDPR)

Videosorveglianza

 

L’installazione di un impianto di Videosorveglianza nel cortile di casa può essere considerato di tipo “personale” e non soggetto al GDPR?

In generale, l’installazione di un impianto di videosorveglianza in un’area condominiale è soggetta all’ autorizzazione dell’assemblea e alla disciplina posta a tutela dei da- ti personali (il nuovo Regolamento Europeo 679/2016, il D.Lgs. 196/2003, per quanto ancora applicabile, e il provvedimento generale sulla videosorveglianza del Garante italia- no dell’8 aprile 2010).

Vi sono tuttavia casi in cui il Garante ha escluso l’applicazione della normativa appena richiamata. Tali casi riguardano quelle installazioni poste esclusivamente a tutela del patrimonio e dell’incolumità del titolare del trattamento, in assenza di riprese che coinvolgano altre persone. Con il provvedimento del 5 maggio 2016 (doc. web n. 5166346), l’Autorità ha ritenuto esclusa, dal campo di applicazione del proprio provvedimento e della disciplina generale sul trattamento dei dati personali, la situazione di un impianto installato con caratteristiche tali da non interferire con la vita di altre persone, pur in presenza di tre tele- camere esposte sulla pubblica via.

La contestazione mossa dal ricorrente riguardava (tra le altre) la presunta registrazione di immagini estranee alle aree di stretta pertinenza del proprietario dell’immobile e delle apparecchiature, mentre quest’ultimo ha fornito prova dell’inquadra- tura limitata ai propri spazi, senza alcun trattamento di dati di terzi. Il Garante ha quindi affermato che tale situazione “… fuoriesce dall’ ambito di applicazione del Codice per effetto di quanto espressamente previsto dall’ art. 5, comma 3, dello stesso Co- dice e in conformità, peraltro, con le indicazioni fornite dall’ Autorità nel Provvedimento generale sulla videosorveglianza dell’8 aprile 2010”.

Sarebbe necessario verificare quali caratteristiche ha l’impianto oggetto del quesito e valutare se può rientra- re nell’ ambito di applicazione di tale provvedimento

Per info maggiori clicca qui

Fonte

 

Portoni Sezionali Hörmann: perchè sceglierli?

I portoni sezionali  si aprono verticalmente scorrendo verso l’alto e vengono a posizionarsi parallelamente al tetto del garage, risparmiando spazio.

Grazie a questo principio costruttivo offrono massimo spazio sia all’interno che all’esterno del garage.

I portoni sezionali da garage si adattano a ogni apertura e offrono fino a 14 cm di larghezza di passaggio in più rispetto ai portoni basculanti. Inoltre vantano una perfetta tenuta perimetrale grazie alle guarnizioni ad elasticità permanente resistenti agli agenti atmosferici.

I portoni sezionali da garage sono omologati e certificati secondo gli elevati requisiti di sicurezza della norma europea 13241-1.

Hörmann è sinonimo di qualità.

Il Centro Tecnico Cresto è rivenditore autorizzato  Hörmann per Ivrea e Aosta

 

Contattaci per ricevere informazioni sulle nuove offerte o per richiedere un preventivo gratuito.
Tel.: 0125651672
Mail: info@centrotecnicocresto.it

 

 

Seguire le indicazioni dei ladri per evitare i furti, intervista a 422 detenuti per furto

Chi meglio di un ladro può insegnare come difendersi dai furti in appartamento? Così, un team di criminologi dell’Università della North Carolina di Charlotte ha deciso di intervistare 422 detenuti per furto e ha prodotto lo studio

Leggi tutto…Seguire le indicazioni dei ladri per evitare i furti, intervista a 422 detenuti per furto