PORTONI SEZIONALI HÖRMANN: Promozione 2019

Portoni Sezionali LPU 42
Portoni Sezionali Promozione

PORTONI SEZIONALI Hörmann

Dal 1° Marzo  2019 è partita la nuova campagna promozionale sui:

Portoni sezionali da garage RenoMatic 2019 compresa motorizzazione ProLift 700 (ProMatic opzionale)

A partire da 799€

Elementi a doppia parete coibentati, spessore 42 mm per coibentazione termica elevata, buona stabilità e scorrimento silenzioso
Motorizzazione per portoni da garage ProLift 700 con due eleganti telecomandi a 2 canali con anello portachiavi cromato.
Motorizzazione per portoni da garage ProMatic con tecnica radio BiSecur moderna, altezza intermedia di apertura per la ventilazione del garage e un telecomando nero HSE 4 BS opaco con asola per ciondolo portachiavi. Opzionale con sovrapprezzo 39 €.

I portoni sezionali si aprono verticalmente scorrendo verso l’alto e vengono a posizionarsi parallelamente al tetto del garage, risparmiando spazio. Grazie a questo principio costruttivo offrono massimo spazio sia all’interno che all’esterno del garage.

Sono omologati e certificati secondo gli elevati requisiti di sicurezza della norma europea 13241-1. Verificate con noi se il vostro vecchio portone da garage soddisfa le attuali norme di sicurezza europee.

Contattaci per ricevere informazioni  o per richiedere un preventivo gratuito.
Tel.: 0125651672
Mail: info@centrotecnicocresto.it

DOMOTICA: APP Domotic 3.0


Domotica che cambia la vita!


DOMOTIC 3.0 è l’app che ti permette di gestire l’intero sistema Domotico CAME di casa tua tramite un’ interfaccia grafica semplice e intuitiva.

Puoi impostare lo scenario ideale per ogni occasione!

Con l’App DOMOTIC 3.0 gestisci la tua casa con un click: hai a disposizione un menù ricco di funzioni e grafiche intuitive per immergerti nella tecnologia CAME e scegliere lo scenario giusto per te.

Regolare l’illuminazione, controllare l’apertura e la chiusura di tende e tapparelle,
impostare la temperatura ideale e molto altro dal tuo dispositivo mobile: oggi è
finalmente realtà.

Controllare lo status di tutti gli ambienti, attivare scenari e interagire con la tua casa da remoto, semplicemente con una app.

Came mette a disposizione un servizio Cloud che permette di gestire tutte le funzioni domotiche, non solo in locale, ma anche da remoto, attraverso un collegamento semplice, sicuro e altamente affidabile. Il server di sistema sfrutta l’innovativa tecnologia Came Connect, che assicura la connessione dell’impianto domotico Came Domotic 3.0 al Cloud: in questo modo, con pochi click, dopo aver scaricato l’apposita APP, sarà possibile avere a disposizione in qualsiasi momento e in tutta sicurezza, l’interfaccia grafica del sistema.

La navigazione avviene attraverso semplici menù di funzione o per mezzo di mappe grafiche, appositamente programmate, che riproducono le immagini dei vari ambienti dell’abitazione. Tutte le funzioni previste nell’impianto (es: gestione automazioni, termoregolazione, controllo illuminazione, apertura e chiusura di tapparelle o tende, controllo del sistema antintrusione e gestione scenari) sono facilmente disponibili utilizzando il dispositivo portatile in cui l’APP CAME Domotic è installata.

fonte: http://www.came.com/it/

BONUS CASA

BONUS CASA. Proroga di un anno delle detrazioni fiscali legate alla casa, ovvero bonus ristrutturazione, bonus mobili, ecobonus e bonus verde, e innalzamento a 65 mila euro della soglia dei ricavi (ma con una serie di limiti riguardanti i lavori svolti negli anni precedenti) per accedere al regime forfettario con tassazione al 15% per le Partite Iva.

Queste le maggiori novità su casa e professionisti contenute nella Legge di Bilancio 2019 che ha ottenuto il via libera della Camera e ora passa all’esame del Senato.

Bonus casa 2019: la proroga delle detrazioni

La Legge di Bilancio 2019 prevede la proroga al 31 dicembre 2019 delle detrazioni del 50% previste dal bonus ristrutturazione e dal bonus mobili.

SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS RISTRUTTURAZIONI 

SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS MOBILI

La Manovra 2019, inoltre, proroga al 31 dicembre 2019 l’ecobonus per gli interventi di efficientamento energetico, sia di quelli detraibili al 65% che di quelli per i quali già dal 1° gennaio 2018 l’aliquota è scesa dal 65 al 50% (cioè infissi, schermature solari, caldaie in classe A e caldaie a biomassa).

SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE ALL’ECOBONUS

Il provvedimento conferma per il 2019 anche il bonus verde, cioè la detrazione fiscale dall’Irpef del 36% delle spese sostenute per gli interventi di sistemazione a verde delle aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze e recinzioni, nonché la realizzazione di impianti di irrigazione e pozzi.

SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS VERDE

Partite Iva, come cambia il regime forfetario 2019

L’accesso al regime forfetario, come lo conosciamo oggi, è normato dalla Legge di Stabilità per il 2015 (Legge 190/2014) che esclude dalla tassazione agevolata i soggetti che nell’anno precedente hanno percepito redditi oltre 30mila euro.

Il disegno di legge di Bilancio per il 2019 amplia la platea dei professionistiche potranno avvalersi del regime forfetario con tassazione al 15%, includendo anche coloro i quali nell’anno precedente hanno conseguito ricavi o percepito compensi fino a 65mila euro.

Si tratta di un tetto unico, valido per tutte le attività, mentre con la normativa ad oggi vigente le soglie sono differenziate in base al codice ATECO.

Il provvedimento, però, impone delle condizioni a chi vuole accedere al nuovo regime forfettario: sono escluse le persone fisiche che esercitano la propria attività prevalentemente nei confronti dei datori con i quali abbiano rapporti di lavoro esistenti o li abbiano avuti nei due precedenti periodi d’imposta.

A partire dal 2020 ci sarà una nuova estensione della platea dei beneficiari: il forfettario sarà esteso anche a chi guadagna fino a 100 mila euro; in questo caso, però, l’aliquota sarà al 20%. 

Fonte: www.edilportale.com

Impianti elettrici specifici per disabilità

Impianti elettrici a servizio di unità immobiliari in cui risiedono persone con disabilità o specifiche necessità vanno realizzati in modo da essere idonei ai loro fruitori.

Specifica Tecnica CEI 64-21 per persone con disabilità o specifica necessità

Il CEI ha pubblicato la Specifica Tecnica CEI 64-21 – “Ambienti residenziali: impianti adeguati all’ utilizzo da parte di persone con disabilità o specifica necessità” con lo scopo di fornire prescrizioni da applicare agli impianti elettrici di unità immobiliari a uso residenziale utilizzati da persone con disabilità o con necessità specifiche” (denominate nel seguito PNA) nei casi in cui vengano espressamente richieste dal committente (nota 1).

Per maggiori specifiche clicca qui

Fonte: www.elettronews.com

 

 

AUTOMAZIONI CONNESSE PER CANCELLI SCORREVOLI

Automazioni

 

Automazioni CONNESSE per cancelli scorrevoli

Soluzione ideale per cancelli scorrevoli residenziali e condominiali, connessi

Alcune delle caratteristiche principali di queste Automazioni:

*Portata fino a 1000 kg
*4 motorizzazioni, tutte con controllo a encoder disponibili anche nella versione Rapida ed Alta.
*Le versioni 400 e 600 kg permettono di rispettare le Norme vigenti in merito alle forze d’impatto
*Possibilità di funzionamento in emergenza in caso di blackout.
*Autodiagnosi dei dispositivi di sicurezza sia filari che wireless
*Predisposizione per i finecorsa magnetici e riscaldatore per le condizioni climatiche più critiche

 

Con le Automazioni CAME ogni cancello a battente o passaggio pedonale trova il motore più adatto. Anche dove la chiusura è già esistente o mancano le opportune predisposizioni. Semplicità d’uso (il telecomando sarà il tuo smartphone), affidabilità e massima personalizzazione nelle forme e nei colori del miglior design italiano.

 

Termoregolazione e Promozione cronotermostati touch screen

 

Ci stiamo avvicinando lentamente alla stagione più fredda.  Approfittate della promozione Came sui Cronotermostati Touch Screen per
rinnovare  il vostro impianto e realizzare un sistema all’avanguardia e connesso! La termoregolazione permette di vivere al meglio in ogni ambiente della propria abitazione.

Scarica  anche l’APP THERMO  che grazie all’innovativa interfaccia grafica permette all’ utente di gestire in modo semplice e intuitivo le funzionalità base del cronotermostato:

• Funzionamento manuale
• Funzionamento automatico
• Programma Jolly

GEOLOCALIZZAZIONE, REPORT DEI CONSUMI, REPORT DEI CONSUMI, APPRENDIMENTO DELLE ABITUDINI, TERMOREGOLAZIONE

 

Contattaci per ricevere informazioni sulle nuove offerte o per richiedere un preventivo gratuito.
Tel.: 0125651672
Mail: info@centrotecnicocresto.it

 

 

 

INCENTIVI PER I SISTEMI DI ACCUMULO

 

Chi acquista un impianto fotovoltaico può usufruire delle detrazioni fiscali 2018 e vedersi rimborsato il 50% di quello che spende per l’acquisto e l’installazione dei pannelli e dell’inverter e dei sistemi di accumulo

L’Agenzia delle Entrate ha confermato che la detrazione fiscale del 50% è applicabile anche sui sistemi di accumulo installati su impianti fotovoltaici già esistenti.

La circolare 7/E/2018 afferma che “L’installazione del sistema di accumulo su un impianto (n.d.r. fotovoltaico) dà diritto alla detrazione sia nel caso in cui tale installazione sia contestuale che successiva a quella dell’impianto fotovoltaico, configurandosi, in dette ipotesi, il sistema di accumulo come un elemento funzionalmente collegato all’impianto fotovoltaico stesso”.

I costi delle opere finalizzate al contenimento acustico, anche se corrispondenti ad interventi di manutenzione ordinaria, sono ammissibili alla detrazione per la singola unità immobiliare a condizione che la scheda prodotto del costruttore certifichi l’ottenimento dei parametri fissati dalla legge n. 447 del 1995 (Circolare 11.05.1998 n. 121, paragrafo 4).
Lavori, su singole unità immobiliari e su parti comuni, finalizzati al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo
all’ installazione di impianti basati sull’ impiego delle fonti rinnovabili di energia.
Le tipologie di opere ammesse ai benefici fiscali sono quelle previste dall’art. 1 del decreto del Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato del 15 febbraio 1992.

Tali opere possono essere realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, acquisendo idonea documentazione (come, ad esempio, la scheda tecnica del produttore) attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente in materia (Circolare24.02.199b 8 n. 57, punto 3.4).

Rientra tra i lavori agevolabili, per esempio, l’installazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, in quanto basato sull’impiego della fonte solare e, quindi, sull’impiego di fonti rinnovabili di energia. Per usufruire della detrazione è comunque necessario che l’impianto sia installato per far fronte ai bisogni energetici dell’abitazione (cioè per usi domestici, di illuminazione, alimentazione di apparecchi elettrici, ecc.) e, quindi, che lo stesso sia posto direttamente al servizio dell’abitazione.
Per tali interventi, la detrazione:
– è cumulabile con il meccanismo dello scambio sul posto e del ritiro dedicato a condizione che
l’impianto installato sia posto direttamente al servizio dell’abitazione;
– non è cumulabile con la tariffa incentivante ( art. 9, comma 4, del DI 19 febbraio 2007 e Circolare 19.07.2007 n. 46, paragrafo 5);
– è comunque esclusa qualora la cessione dell’energia prodotta in eccesso configuri esercizio di attività commerciale come, ad esempio, nell’ ipotesi di impianto con potenza superiore a 20 kw e di impianto con potenza non superiore a 20 kw che non sia posto a servizio dell’abitazione (Risoluzione 2.04.2013 n. 22).
L’installazione del sistema di accumulo su un impianto dà diritto alla detrazione sia nel caso in cui tale installazione sia contestuale che successiva a quella dell’impianto fotovoltaico, configurandosi, in dette ipotesi, il sistema di accumulo come un elemento funzionalmente collegato all’ impianto fotovoltaico stesso.
Rientrano tra le spese agevolabili anche quelle sostenute per i sistemi di termo regolazione e contabilizzazione del consumo individuale del calore, in quanto finalizzati al conseguimento del risparmio energetico, installati senza che sia sostituito, integralmente o parzialmente, l’impianto di climatizzazione invernale ovvero nel caso in cui quest’ultimo sia sostituito con un impianto che non
presenti le caratteristiche tecniche richieste ai fini della detrazione per gli interventi di riqualificazione energetica di cui all’art. 1, comma 347, della legge . n. 296 del 2006 (Circolare 6.05.2016, n. 18, risposta 3.1).

Centro Tecnico Cresto – Professionalità e competenza

 Centro Tecnico Cresto

 

Professionisti e tecnici
Piemonte e Valle d’Aosta
Ci trovate su Facebook 
Potete contattarci 0125651672 o scriverci una mail info@centrotecnicocresto.it